The Crossing – appunti di viaggio durante una traversata

13/01/2015
Piero Baroni, istruttore Centro Nautico di Levante, ha attraversato da poco l’Atlantico. Con ancora il sale nei capelli e l’oceano negli occhi, ci regala questo breve racconto.

10433937_10152894388659851_3364155611096087922_n[1]“Finalmente ce l’ho fatta! Un sogno che si avvera, dopo tanti anni e anche un rinvio: la traversata atlantica in barca a vela. “The Crossing”, come la chiamano gli inglesi. Ero infatti su barca britannica con crossing 2014 312equipaggio di lingua inglese. Si è trattato di un “delivery”, cioè un trasferimento di uno Swan 62 di 10 anni, Uxorious IV, dal Mediterraneo (Palma di Majorca) ai Caraibi (St. Lucia). In totale 5 settimane. La barca è molto bella, con tutti i comfort (generatore, freezer, aria condizionata, winch elettrici ecc.). E molto veloce: abbiamo superato i 17 nodi surfando con vento al lasco su raffiche di 27 nodi e due mani terzaroli!
crossing 2014 0725 membri di equipaggio da Majorca a Gran Canaria, a cui si è aggiunto un sesto a Gran Canaria. Lo Skipper, Cris, ha doppia nazionalità, Britannica e St Luciana. Nonostante i soli 33 anni di età, è st10897911_10153019627479851_7649554969166919705_n[2]ata la sua 13^ crossing (7 verso ovest e 6 verso Est). Irene sua moglie, cuoca di bordo e, per fortuna, Italiana (abbiamo mangiato benissimo). Loro sono equipaggio fisso di Uxorious. Poi Ben, istuttore di kite surf gallese; Ian, ingegnere di bordo della marina mercantile inglese in pensione; Veronica, studentessa americana. Infine il sottoscritto, “Levantino emiliano”.
Partenza da Palma il 28 Ottobre 2014, una smotorata al caldo di 2 giorni fino a Gibilterra, dove ci siamo fermati 1 giorno per ragioni “ammincrossing 2014 102istrative”. Poi meno di 5 giorni per arrivare a Gran Canaria, con un bel vento e branchi di Delfini che ci seguivano giorno e notte. Arrivo a Las Palmas crossing 2014 110alle 4 di mattina del 5 Novembre con 30 nodi di vento e acquazzoni (la peggiore situazione incontrata in tutto il viaggio).
Riposiamo a Las Palmas 1 settimana aspettando il tempo giusto (e alcuni ricambi che devono arrivarci via aerea). Finalmente il 12 Novembre (il mio compleanno) si parte! crossing 2014 346Sarà una bella cavalcata con venti portanti, andatura a farfalla con 1 o 2 mani terzaroli e fiocco tangonato. Turni: 1,5 ore al timone, 1, 5 ore in stand-by e 6 ore di riposo.crossing 2014 079 Facciamo una media di 250 miglia al giorno e percorriamo le 2700 miglia che separano le Canarie da St. Lucia in 14 giorni, durante i quali non incontriamo alcun essere umano.
Emozionante l’arrivo: mare formato, 25 nodi di vento, temporali in giro che però miracolosamente ci evitano, arcobaleni, surfate incredibili. crossing 2014 354Al tramonto siamo in banchina con un “comitato di accoglienza” che ci fa capire subito dove siamo: brindisi a base di rum…e sarà solo l’inizio!crossing 2014 300
E’ stata una esperienza molto intensa, a tratti faticosa, più psicologicamente che fisicamente, molto formativa soprattutto rispetto agli aspetti organizzativi (tutto è andato liscio, ma nulla era stato lasciato al caso!) e di navigazione! Cosa mi resta? La voglia di riprovarci, magari la prossima volta come skipper, e magari con una barca mia (a volte i sogni si avverano, no?!).
Ciao a tutti!”
Pierocrossing 2014 349
Annunci

Ritornano le Iniziative Oceaniche

02/02/2011

dal 24 al 27 marzo 2011

Volevo segnalarvi un evento a cui partecipo da qualche anno molto volentieri perché il mare è di tutti ed è bello prendersene cura…
L’evento si chiama Iniziative Oceaniche, quest’anno alla 16° edizione, ed è di respiro europeo.

Si tratta di lottare insieme contro i rifiuti acquatici! Nel 2010 ben 40000 persone vi hanno aderito in più di 900 operazioni di pulizia.

Come si può fare per aderire? Ve lo spiego subito:

– Iscrivete la vostra pulizia sul sito http://www.initiativesoceanes.org
– Dal sito scaricate la guida dell’organizzatore. Passo a passo, vi aiuterà ad organizzare ed animare per il meglio la vostra operazione.
– Dopo, riceverete un kit di pulizia che vi accompagnerà durante la vostra operazione. Contiene dei materiali logistici, pedagogici e di comunicazione.
– Riportate sul sito il bilancio e le foto del vostro evento. Dunque, lo spazio personale creato vi permetterà di spiegare la vostra azione.

Se avete dubbi potete contattare Elodie LERICHE alla mail infocleanup@surfrider.eu o al tel. 05.59.01.61.53

Se poi vi state chiedendo: “Perché dovrei organizzare un’ Iniziativa Oceanica?”, la risposta è:

Per sensibilizzare localmente
In occasione della pulizia, i partecipanti realizzano l’ampiezza dei rifiuti sulle nostre spiagge ed i nostri argini.
I materiali pedagogici distribuiti permettono di capire il problema dei rifiuti acquatici e le soluzioni che possiamo adottare per ridurli.

Per mobilitare globalmente
Organizzando le Iniziative Oceaniche, rafforzate la mobilitazione. Questa, in gran parte trasmessa dai media, permette all’ente organizzatore (Surfrider Foundation Europa) che venga meglio percepita dalle istituzioni nazionali ed europee.

Le Iniziative Oceaniche sono organizzate dal 24 al 27 marzo 2011.
È possibile di usufruire delle operazioni di pulizia dopo questo periodo ma, per una comunicazione media ottimale, è preferibile di organizzare la vostra azione durante le Iniziative Oceaniche.

Insomma, mobilitiamoci per salvaguardare l’ambiente, l’unione fa la forza!

Valentina Serasso, velista