Solo donne a fare la CAMBUSIERA?

10/05/2012

Ritorna un ruolo storico importantissimo nella vita dei corsi

La cambusiera, un ruolo unicamente femminile ai Levante? Ma come… Istruttori maschi e cambusiere femmine: da noi si fanno ancora distinzioni di genere? Che delusione!

No, non è una scelta voluta, tant’è che ci sono cambusieri maschi, anche se per ora in minoranza.
E’ un’eredità che ci viene dai Glénans e che noi abbiamo travasato praticamente pari-pari.

L’idea è che ci sia una persona, già pratica del funzionamento della base (quindi con una minima “anzianità” di corso) che gestisca la cambusa e coordini la comandata.>

Per dire, in Francia la chiamano maitresse de maison (intraducibile: capo-casa?), ma anche, dopo il femminismo, maître de logis , tanto per mettere i generi alla pari. Noi ne abbiamo arricchito la funzione, dato che il compito più importante è di gestire, oltre a “quel che c’è”, soprattutto “quel che ci deve essere” nella cambusa. Di fatto, poiché anche qui si tratta di un lavoro volontario, si sono rese disponibili più donne che uomini, forse perché queste hanno una maggiore competenza personale specifica.
Fare il cambusiere non è facile e non ci si improvvisa, per questo il Centro Nautico di Levante richiede che venga seguito un breve corso di formazione e prevede in cambio del servizio che per circa mezza giornata si possa continuare a navigare.

in sintesi, chi è il CAMBUSIERE LEVANTE?

  • conosce il nostro stile di vita (ha una minima “anzianità” di corso)
  • gestisce la cambusa, coordina e controlla la comandata, collabora con lo staff.
  • è inquadrato come “istruttore a terra”, matura bonus e rimborsi
  • è occupato per circa mezza giornata, e per il resto può continuare ad andare in barca.

Il ruolo costituisce un’importante interfaccia tra gli istruttori e lo staff della base, in particolare il cuoco e il cambusiere centrale (che da noi viene da sempre appellato supercambusiere) ed è inquadrato come “istruttore a terra”, tant’è che partecipa alle riunioni organizzative con gli istruttori del corso e contribuisce alla valutazione finale degli allievi, fornendo utili elementi sull’attitudine di ciascuno alla vita in collettività e alla disponibilità al servizio.
Se ragioniamo con il metro tanto in voga oggi della “visibilità”, beh, il cambusiere, maschio o femmina che sia, fa piuttosto un lavoro dietro le quinte, meno appariscente e quindi, se volete, meno immediatamente gratificante.
Ma l’esperienza di moltissime persone passate per anni da questo ruolo è stata importante sia per la loro crescita personale che come primo gradino del percorso formativo che le ha portate a diventare istruttori.
A Porto Istana i Levante ancora una volta si rinnovano (…pur nel solco della tradizione, come usa e abusa dire altrove). La vita a terra sarà molto più convergente sulla base, non disporremo del bar del campeggio, né della “balera”, avremo un modo più attento di produrre e smaltire rifiuti, l’acqua dolce dovrà essere usata con parsimonia.

Tutti elementi che troveranno un punto d’incrocio nel cambusiere che tornerà ad essere, quindi, uno snodo centrale nella loro gestione.

Annunci

Velocita’

07/11/2008

47.2 nodi di velocita’.E’ il record di velocita’ per multiscafi,stabilito dall’ Hydroptere,un trimarano.

I windsurfisti hanno risposto con un nuovo record di velocita’ su tavola.Antoine Albeau 48,7 nodi.

A Porto Pozzo si narra di un Hobie16 a 22 nodi.

Ma le testimonianze sono discordanti.

A me l’ha detto mio cugino…


Acrobazie veliche

18/07/2007

Per chi ancora non si trova a scorrazzare in vela a Porto Pozzo, 5 minuti di “full immersion” rimanendo comodamente seduti al pc. 🙂


Mascalzoni Padani

05/07/2007

di Nevio e Giorgio

A Cremona c’è una piazza bellissima con una stupenda Cattedrale ed una altissima torre, il “torrazzo”, e i violini, da Stradivari in poi e una grande distesa piatta: la pianura padana appunto.
A Cremona non c’è il mare, e nemmeno il lago.
A Cremona c’è il Po, lo stesso che scorre a Torino, forse un “po” più sporco…E c’è il canale navigabile che mai navigò ed all’ingresso il bacino, grande: e proprio lì esiste il Circolo Vela! Da 31 anni, con più di 100 soci ed un olimpionico presidente/istruttore con figlio campione di classe.

Già, oltre ogni logica a Cremona si va a vela!
Leggi il seguito di questo post »


Io, animale da terra

23/05/2007

No, non ci volevo salire in barca e si, ancora oggi quando la bolina è stretta stretta sento un po’ di tremore dentro, sana paura che quel blu notte sotto lo scafo possa prima o poi inghiottirmi.

No, non ci credevo che in barca poi non vuoi più scendere e le spiagge sono più belle e invitanti, se raggiunte dal mare.

Non ci credevo, ma ci sono salita.

E non su un comodo cabinato, ma su una deriva, un pesantissimo Trident che per spostarlo, al mattino, ci dopavamo tutti di vitamine e nutella. Leggi il seguito di questo post »