ESTATE 2012 – LA BASE

06/09/2012
EHMMM... PEZZO DI FAUNAALBERI E ROCCEVEGETAZIONE LUSSUREGGIANTELA BASE LEVANTE DI PORTO ISTANA - ESTATE 2012LA BASE LEVANTE DI PORTO ISTANA - ESTATE 2012VISTA PANORAMICA DELLA BASE
I PERCORSI PE RIL MAREI PERCORSI PER IL MAREFLORASIGNSLA BASE LEVANTE DI PORTO ISTANA - ESTATE 2012LA FLOTTA
LE BARCHE NELLA NATURALA BASE LEVANTE DI PORTO ISTANA - ESTATE 2012I BAGNI INTERNII BAGNI INTERNILE CAMERATE "TUTTI INSIEME"LE CAMERATE "TUTTI INSIEME"
I DORMITORILA BASE LEVANTE DI PORTO ISTANA - ESTATE 2012I DORMITORI - PORTO ISTANA - LEVANTEI DORMITORI LA SERA IN PIENA NATURASUONA LA CAMPANA!

ESTATE 2012 – LA BASE, un set su Flickr.

La base descritta per immagini

Annunci

Porto Istana 2012 – Facce da Levante

21/08/2012
FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012
FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012
FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012
FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012FACCE DA LEVANTE!!! - GIUGNO N2012

Porto Istana 2012 – Facce da Levante, un set su Flickr.


PORTO ISTANA 2012 – VITA DI BASE – secondo set

21/08/2012
PORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo set
PORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo set
PORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo set
PORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo setPORTO ISTANA 2012 - VITA DI BASE - primo set

PORTO ISTANA 2012 – VITA DI BASE – secondo set, un set su Flickr.


Three Sheets to the Wind

13/07/2012

Gooood Morning, Port!

Strolling along the harbour under the hot sun of the Italian Riviera, we were met by

our friendly instructor, Enzo.

Three sheets to the wind.

We stepped cautiously onto the boat as we took to the sea for the very first time.  Butterflies flapping in my stomach, I was unsure if it was due to nerves or the sea—sickness starting to kick in already.

As we left the port behind us and sailed freely out into the Tyrrhenian sea it was clear that my grandfather’s sailor instincts were in my blood too.  It felt so natural and free to be out at sea, and when we switched off the engine there was a moment of silence as we appreciated the lapping of the waves and the sounds of nature.

Learning to sail was like learning a new language, a language reserved for those with the patience and drive to learn it.  ‘Sheet in’, Sheet out’, ‘port’, ‘starboard’ watch the ‘bow’Words that at first seem strange but that with repetition became more familiar to us.

Relaxing on the boat.

The desire to jump off the stern of the boat was starting to mount as we made our way further out to sea.  Finally, under the exhausting heat of the mid-day sun, we splashed into the water for a refreshing swim. The five of us were joined by some unexpected tourists in the form of Jellyfish, it was at that point that we decided to retreat to the safety of the boat and take a well earned lunch break.

A refreshing dip in the sea!

The afternoon was spent tackling various manoeuvres and learning how to handle the boat while getting to know her and her rhythm.  We finally docked at about 7pm and were free to reflect on our day’s adventure while recharging with showers and aperitifs.

Romantic sunset at Porto Venere


Barca e figli: a Porto Istana si può!

29/06/2012

IN BARCA IN FAMIGLIA A PORTO ISTANA
Quattro domande a istruttori Levante con figli

Anna Torre:
1 figlia (7 anni)
istruttore dal 2008
inquadrato fino al 2010

Gian Marco De Maria:
2 figli (8 e 6 anni)
istruttore dal 1988
inquadrato fino al 2000

Marco Sciannimanico:
2 figli (5 e 3 anni)
istruttore dal 1996
inquadrato fino al 2007

Alessia Salerno:
due figli (7 e 5 anni)
istruttrice dal 1993
inquadrato fino al 2008

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le domande

1)  Cosa pensi dell’idea dei Levante di invitarti a inquadrare in un corso, portando in base tuo figlio? 

2)  Ci sarà un tuo figlio iscritto a un corso, durante la tua permanenza? Non corre il rischio di un trattamento diverso dagli altri bambini che vengono senza genitori?

3) Se vieni senza iscrivere tuo figlio a un corso, sarà accompagnato da qualcuno che rimane a terra? Ci saranno problemi di “integrazione” con gli altri in base?

4)  Cosa ti aspetti da questa esperienza? Prevedi difficoltà organizzative o logistiche?

Sono istruttori Levante con famiglia e figli. In buona parte per questo nelle ultime stagioni hanno rallentato la loro presenza in base.
A tutti l’idea di tornare e di portare con sé i figli è piaciuta.
«Inquadrare in un corso mentre mio figlio ne frequenta un altro, dice Marco, dà la possibilità ad entrambi di fare qualcosa di interessante e di creare un filo conduttore tra due percorsi separati» e Anna, entusiasta dell’idea, fa subito un passo più in là: «A me piacerebbe proporla addirittura a mamme-non-istruttrici con figli: molte mamme portano i figli in vacanza senza il papà. Poterlo fare a Porto Istana sarebbe bello: mamma, bimbo 5 anni, bimbo 8 anni. Quello di 8 anni è iscritto a un corso. La mamma sta con il piccolo». Anche ad Alessia piace molto la proposta: «Tra l’altro il mio caso è particolare, perché viene l’intera famiglia. Anche Stefano, padre dei miei figli è istruttore: potremo inquadrare alternativamente tutti e due ed uno starà con il figlio più piccolo (gli mancano 2 anni all’età canonica). Mi piace inquadrare, cosa a cui tengo molto, e mi piace la possibilità di coinvolgere i miei figli in una realtà che spero sentiranno presto loro».
Gian Marco si spinge oltre, proponendo un’interpretazione di taglio… freudiano: «La risposta si porta dentro un pezzo della nostra vecchia vita. Credo che per molti di noi, dai tempi di San Clemente, i Levante abbiano significato, senza troppe metafore e lacrimucce, sia un porto che un mare in tempesta; anzi a volte, come direbbe uno dei vecchi istruttori, è stato anche centro di smistamento per casi umani». Ahi! Allora siamo alla nostalgia e alla giovinezza perduta? «Non credo e comunque vedremo: Porto Istana è un posto sconosciuto anche per me, da esplorare. Anche se, tra me e i miei figli, i veri esploratori adesso sono loro. Io, tutt’al più, posso essere solo quello che scrive un timido e minuto diario di bordo».
Anna non verrà: «Non voglio forzare mia figlia. In più mio marito non partecipa: non lo trascinerò mai nelle nostre vacanze famigliari in base. Quindi mi troverei nella situazione di “single” con figlia. Avevo anche pensato di portarmi amici in campeggio cui affidare la bimba (a Porto Pozzo l’ho fatto quando lei aveva 4 anni, per il corso di formazione istruttori: ma sinceramente il mare di Porto Pozzo non è una meraviglia). Porto Istana è invece tutta un’altra cosa! Ecco perché è importante prevedere una sorta di “ospiti” magari con tenda: allargherebbe il passa parola».
Anche Marco ritiene prematuro venire, e attende che siano più grandi: «Cercherei di spingere i miei figli a frequentare un corso e a vivere attivamente la base». Non lo spaventano problemi di integrazione, sebbene riconosca che «il rischio esiste, ma sta al genitore rendersene conto ed evitarlo: quando vedo i miei piccoli relazionarsi e giocare con i loro coetanei faccio volentieri un passo indietro. Conosco la professionalità degli istruttori Levante e il passo indietro non mi costerebbe: pur avendo insegnato ai Levante per oltre un decennio, cercherei di interferire il meno possibile con le esperienze dei miei figli».
Verrà invece Gian Marco e suo figlio frequenterà un corso Junior, come la figlia di Alessia. Entrambi non temono che la loro presenza in base costituirà un problema. «Stefano e io teniamo che Caterina impari e segua le regole che le verranno insegnate a prescindere dalla nostra presenza» dice Alessia«Avrà nuovi riferimenti, l’istruttore, il cambusiere, i compagni. E mi piace che ci veda come parte attiva di quel mondo, che sappia che ne condividiamo le regole». «D’altra parte»aggiunge Gian Marco «i figli passano molto tempo senza di noi, penso quindi che possa essere importante che si impari reciprocamente ad osservarsi quando si condivide una stessa esperienza. Mi sembra, tutt’al più, che questo “sguardo di ritorno” possa fare più paura ai genitori».
Anche Gian Marco verrà con la famiglia e il figlio più piccolo sarà affidato alla moglie che, dice, è una mamma molto disponibile, e «…spero innanzitutto che l’esperienza giovi a me! I figli sono ancora piccoli, mi auguro soprattutto che si divertano, non posso e non voglio aspettarmi subito grandi risposte».
Per Alessia «la base è molto bella e la situazione piena di stimoli interessanti. Il figlio che starà con il genitore che non inquadra imparerà i ritmi della base, a rispettare spazi e funzioni di corsi e corsisti e troverà altre cose che lo distraggano: il prato è pieno di insetti! E potremo comunque alimentare la sua curiosità verso la barca con qualche “assaggino”. Mi aspetto che ci si diverta tutti. Si tratterà di organizzarsi un po’ e di prendere le misure. Il rispetto di persone, ruoli e situazioni renderà le cose più facili. E per la Cate, mia figlia che fa il corso, sarò felice se non mi dirà che dall’anno prossimo preferisce giocare a tennis».
Una punta di nostalgia continua a non mancare in Gian Marco, che conclude: «Le difficoltà logistiche saranno inevitabili, con lo spostamento di sede; mi fa tuttavia molto piacere tornare proprio quest’anno perché nel corso del tempo sono sempre stato presente ai cambi di base. E poi nei traslochi si trova sempre qualcosa di cui non ci si ricordava più».


La scuola media Goltieri di Asti inaugura la nuova base: i commenti del Capocorso e del Preside

11/06/2012

Ci siamo: la base di Porto Istana è ufficialmente aperta.
Non c’è stata la cerimonia del taglio inaugurale del nastro, non c’era né banda né fanfara, mancava anche il nostro presidente (peraltro rimasto lì fino al giorno prima ad aiutare affinchè tutto fosse pronto), ma c’erano le persone davvero più importanti: gli allievi della scuola media di Goltieri, con professori e preside in testa. Sono stati loro a inaugurare in un colpo solo la base e la stagione dei corsi di vela.

Stark con allievi Goltieri e Simone Maffi, istruttore Levante


Il Capo corso Roberto Ruggerici ha inviato il seguente commento.
«Sono orgoglioso che il caso abbia fatto sì che sia stato io ad essere il primo capo-corso della nuova base. Cosa posso dire? Bellissima settimana sugli Stark con i simpaticissimi allievi della scuola Goltieri di Asti. Tutto è andato bene, nemmeno un graffio e tutti, istruttori compresi ovviamente, ci siamo divertiti. Ottimo quello che sarà il perimetro di navigazione per derive e kat. Quanto ai cabinati c’è ancora molto da scoprire, un paio di spiaggette paradisiache per fare il bagno ci sono e noi le abbiamo già “battezzate” , ora sono lì che vi aspettano, invito chi mi legge, allievi ed istruttori, ad andarci. Ne vale proprio la pena !
Ventitrè anni di militanza levantina non sono poca cosa! Di gente ne ho vista passare non so quanta; di basi ne ho viste succedersi tre (Torre Guaceto, Porto Pozzo e da ultimo Porto Istana).
La nuova base mi ha colpito per le tante analogie che presenta con Torre Guaceto – la prima base – in un contesto paesaggistico che ricorda molto, in meglio, la seconda, Porto Pozzo.
Porto Istana risulta pertanto essere l’ideale fusione tra un contesto di terra ed un ambiente marino che hanno come comune denominatore l’incontaminazione.
La base è decisamente bella, i lavori, ben eseguiti con soluzioni tecniche eco-sostenibili, lasciano intendere che questo luogo, ricco di potenzialità, non sarà solo un passaggio, ma potrà rappresentare addirittura una svolta, se saremo capaci di gestirlo nel migliore dei modi. I presupposti mi pare ci siano tutti».

I ragazzi della scuola hanno tenuto un simpatico BLOG  che fa un ampio resoconto della loro settimana azzurra.

Di particolare interesse una dichiarazione del preside, prof. Alberto Bianchino, pubblicata dai ragazzi. Il preside, oltre a essere persona autorevole per il ruolo che ricopre, è uomo di specifica competenza, in quanto laureato in Scienze forestali. E’ per questi due aspetti che ci sembra interessante riportare la sua dichiarazione, che si sofferma in particolare sul raffronto Porto Pozzo-Porto Istana.

Spiaggetta a Porto Istana, la natura incontaminata

«Porto Pozzo era molto interessante dal punto di vista paesaggistico, collocato tra zone paludose e peschiere con all’orizzonte la spiaggia di Liscia raggiungibile con un’escursione di mezza giornata a piedi. Il posto era sicuramente affascinante, ma Porto Istana offre di più: la chiusura dell’orizzonte marino dato dalla Tavolara e dall’isola piana, la punta di Capo Ceraso con una vegetazione selvaggia, ricca e profumata dal vento.
La base con le varie costruzioni in muratura annegate nel verde che sarà sempre più curato e fiorito, la terrazza della biblioteca, la possibilità di salire con pochi passi in cima alla collina e poi scendere costeggiando il monte Maladroni fino alla spiaggia selvaggia di porto Legnarolo, venti minuti dalla base a piedi, aggiungono fascino alla nuova collocazione.
Il perimetro di navigazione, più completo di Porto Pozzo, permetterà alla base e ai Levante di continuare a crescere.
Suggerisco la costruzione di un itinerario botanico all’interno della base, con il supporto di studenti e l’aiuto di internet per una fruizione e conoscenza anche da parte degli adulti, vista la ricchezza e la tipicità della vegetazione.
I ragazzihanno apprezzato le spiagge, il campo da calcetto, la tipologia dei natanti e l’insegnamento ricevuto dagli istruttori, oltre alla cucina e alla sistemazione nelle camerate riparate da eventuali intemperie – il tutto in un contesto assolutamente ecosostenibile – e già al ritorno sul traghetto hanno manifestato il desiderio di rinnovare l’esperienza al più presto!»

A commento del suggerimento possiamo solo dire… già fatto: nel senso che sono già previsti interventi di esperti educatori ambientali durante i corsi Junior e settimane di vela e scoperta dell’ambiente naturale anche per adulti, nel prossimo autunno.


LA BAIA DI PORTO ISTANA E I LEVANTE

04/06/2012
AMP - Area Marina Protetta di TavolaraAMP CARTINAAMP Posidonia (Posidonia oceanica)2AMP Margherite di mare (Parazoanthus axinellae)  2AMP Lucertola tirrenica sottospecie ranzii (Podarcis tiliguerta ranzii) 2Base Levante in Sardegna - le spiagge di Porto Istana
DSC03072DSC03070Base Levante in Sardegna - le spiagge di Porto IstanaBase Levante in Sardegna - Tavolara e C Capo CerasoBase Levante in Sardegna - Tavolara e C Capo CerasoBase Levante in Sardegna - le spiagge di Porto Istana
Base Levante - Spiaggia DeriveBase Levante in Sardegna - i nostri cabinati nel bluBase Levante in Sardegna - i cabinatiBase Levante in Sardegna - i cabinatiBase Levante in Sardegna - i cabinatiBase Levante in Sardegna - le spiagge di Porto Istana
Base Levante in Sardegna - le spiagge di Porto IstanaBase Levante in Sardegna - i nostri cabinati StarkBase levante in Sardegna - Baia Porto IstanaBase Levante in Sardegna - Le deriveBase Levante - la spiaggia deriveBase Levante in Sardegna - Baia Porto Istana

LA BAIA DI PORTO ISTANA E I LEVANTE, un set su Flickr.

Presentiamo il contesto che ci ospita in Sardegna: l’area marina protetta di Tavolara. E le nostre prime incursioni veliche