The Crossing – appunti di viaggio durante una traversata

13/01/2015
Piero Baroni, istruttore Centro Nautico di Levante, ha attraversato da poco l’Atlantico. Con ancora il sale nei capelli e l’oceano negli occhi, ci regala questo breve racconto.

10433937_10152894388659851_3364155611096087922_n[1]“Finalmente ce l’ho fatta! Un sogno che si avvera, dopo tanti anni e anche un rinvio: la traversata atlantica in barca a vela. “The Crossing”, come la chiamano gli inglesi. Ero infatti su barca britannica con crossing 2014 312equipaggio di lingua inglese. Si è trattato di un “delivery”, cioè un trasferimento di uno Swan 62 di 10 anni, Uxorious IV, dal Mediterraneo (Palma di Majorca) ai Caraibi (St. Lucia). In totale 5 settimane. La barca è molto bella, con tutti i comfort (generatore, freezer, aria condizionata, winch elettrici ecc.). E molto veloce: abbiamo superato i 17 nodi surfando con vento al lasco su raffiche di 27 nodi e due mani terzaroli!
crossing 2014 0725 membri di equipaggio da Majorca a Gran Canaria, a cui si è aggiunto un sesto a Gran Canaria. Lo Skipper, Cris, ha doppia nazionalità, Britannica e St Luciana. Nonostante i soli 33 anni di età, è st10897911_10153019627479851_7649554969166919705_n[2]ata la sua 13^ crossing (7 verso ovest e 6 verso Est). Irene sua moglie, cuoca di bordo e, per fortuna, Italiana (abbiamo mangiato benissimo). Loro sono equipaggio fisso di Uxorious. Poi Ben, istuttore di kite surf gallese; Ian, ingegnere di bordo della marina mercantile inglese in pensione; Veronica, studentessa americana. Infine il sottoscritto, “Levantino emiliano”.
Partenza da Palma il 28 Ottobre 2014, una smotorata al caldo di 2 giorni fino a Gibilterra, dove ci siamo fermati 1 giorno per ragioni “ammincrossing 2014 102istrative”. Poi meno di 5 giorni per arrivare a Gran Canaria, con un bel vento e branchi di Delfini che ci seguivano giorno e notte. Arrivo a Las Palmas crossing 2014 110alle 4 di mattina del 5 Novembre con 30 nodi di vento e acquazzoni (la peggiore situazione incontrata in tutto il viaggio).
Riposiamo a Las Palmas 1 settimana aspettando il tempo giusto (e alcuni ricambi che devono arrivarci via aerea). Finalmente il 12 Novembre (il mio compleanno) si parte! crossing 2014 346Sarà una bella cavalcata con venti portanti, andatura a farfalla con 1 o 2 mani terzaroli e fiocco tangonato. Turni: 1,5 ore al timone, 1, 5 ore in stand-by e 6 ore di riposo.crossing 2014 079 Facciamo una media di 250 miglia al giorno e percorriamo le 2700 miglia che separano le Canarie da St. Lucia in 14 giorni, durante i quali non incontriamo alcun essere umano.
Emozionante l’arrivo: mare formato, 25 nodi di vento, temporali in giro che però miracolosamente ci evitano, arcobaleni, surfate incredibili. crossing 2014 354Al tramonto siamo in banchina con un “comitato di accoglienza” che ci fa capire subito dove siamo: brindisi a base di rum…e sarà solo l’inizio!crossing 2014 300
E’ stata una esperienza molto intensa, a tratti faticosa, più psicologicamente che fisicamente, molto formativa soprattutto rispetto agli aspetti organizzativi (tutto è andato liscio, ma nulla era stato lasciato al caso!) e di navigazione! Cosa mi resta? La voglia di riprovarci, magari la prossima volta come skipper, e magari con una barca mia (a volte i sogni si avverano, no?!).
Ciao a tutti!”
Pierocrossing 2014 349
Annunci

Carnevale in barca a vela nei Caraibi!

03/03/2011

CARNEVALE IN BARCA A VELA NEI CARAIBI!

Schoelcher International Sailing Week è l’evento principale nei Caraibi per i giovani atleti, si tiene dal 5 al 9 Marzo 2011, nel periodo di Carnevale.

Si svolge in Schoelcher, Martinica, Antille francesi.

Le classi di barche a vela sono diverse, tra cui: OptimistU/12, Optimists Overall, Laser 4.7, Laser Radial, Laser Standard, Catamarans, Tempest, Sunfish.

Gli atleti che partecipano alla manifestazione provengono da USA, Canada, Cuba, Trinidad, Francia, Spagna, Germania, Italia,
e Sud America …..

 http://www.mairie-schoelcher.fr/


West Liguria 2008

17/11/2008

Sanremo, West Liguria 2008, campionato invernale della Liguria…
… è iniziato!
il 16 novembre in una giornata di sole caldo e vento frizzante, 70 barche si sono sfidate tra le boe a suon di virate e ammainate di spi.

Il campionato dura fino ai primi di febbraio, è disputato da veterani e da qualche pivellino, tutti accomunati dalla gran voglia di dare il massimo! Accaniti fino all’ultimo secondo, fiutano il vento, sanno a menadito come gira la termica da queste parti.. è casa loro!!
Le classi sono miste e non sai mai qual’è il risultato fino a quando i giudici non fanno i conti con i tempi compensati.. un’attesa breve ma estenuante!

Noi, equipaggio GIàCHESEILING TEAM, dell’ X 40 chiamato Sguaraunda, ci siamo allenati, siamo un team agguerrito, con le giacchette tutte uguali (il chè ci rende ancora più cattivi!), abbiamo a bordo il grande Fabio Ascoli (olimpionico) tattico e allenatore, siamo in 9, ciascuno con il suo ruolo preciso: prodiere, albero, tastiere, grinder, tailer, timoniere, tattico e in più abbiamo l’uomo ammaina spi.. compito che spetterebbe a me in quanto secondo, ma che cedo volentieri.
E’ un ruolo impegnativo e di grande responsabilità: ritirare sotto coperta in fretta e furia lo spi, e poi saperlo ripiegare, ..sotto coperta, con la barca che sbanda, con quelli sopra che sono sempre “..Pronti a virare!!..” .. io sotto coperta non ci so stare, se scendo non torno più su. Lo ammetto: sui cabinati soffro il mal di mare! Ma amo la vela e la competizione e quindi imperterrita e accanita continuo a tornare per mare. Fiduciosa che un giorno o l’altro mi passerà.

E’ stata una bella regata, abbiamo fatto una buona partenza, affinato la tecnica, rivisto gli errori, ci siamo fatti le ossa e anche i lividi, come è giusto che sia. Pizzicati le dita tra drizze e scotte, preso il sole, neanche il tempo per mangiucchiare un crackers e .. nella nostra categoria .. siamo arrivati noni su 10!!
Pazienza, lo prendiamo come allenamento. Sappiamo quale regata scartare. La prossima faremo molto meglio!

Buon vento a tutti e .. l’importante è divertirsi!

Giulia

west-liguria


Emozioni .. Giraglia 2008

17/07/2007

di Paolo Pereno

Da appassionato di vela non mi sono fatto sfuggire la possibilità di partecipare alle regate della Giraglia.
Una settimana di ferie dedicata alla vela full immersion a St. Tropez a fare regate costiere contro altri equipaggi combattivi e preparati, tutti concentrati a combattere per una lunghezza di vantaggio.
Barche bellissime, con vele quasi sempre a segno. Vele bianche di due alberi in legno che al loro solo passaggio azzeravano gli anni trascorsi e ti riportavano indietro nel tempo e emanavano il profumo di legni trattati con sistemi antichi per reggere le sfuriate del vento e del mare.
Si vedevano vele trasparenti, grigie, nere di carbonio, rosse su barche a cui l’equipaggio dedicava ogni minuto libero della giornata per eseguire quell’eterna manutenzione necessaria.
Leggi il seguito di questo post »


Mascalzoni Padani

05/07/2007

di Nevio e Giorgio

A Cremona c’è una piazza bellissima con una stupenda Cattedrale ed una altissima torre, il “torrazzo”, e i violini, da Stradivari in poi e una grande distesa piatta: la pianura padana appunto.
A Cremona non c’è il mare, e nemmeno il lago.
A Cremona c’è il Po, lo stesso che scorre a Torino, forse un “po” più sporco…E c’è il canale navigabile che mai navigò ed all’ingresso il bacino, grande: e proprio lì esiste il Circolo Vela! Da 31 anni, con più di 100 soci ed un olimpionico presidente/istruttore con figlio campione di classe.

Già, oltre ogni logica a Cremona si va a vela!
Leggi il seguito di questo post »